COPPA: OVARESE E CAVAZZO, A VOI!

Borta, Burba e Coradazzi in una fase del match di campionato (foto a. Cella)
Borta, Burba e Coradazzi in una fase del match di campionato (foto A. Cella)

Sarà ancora una volta il “Campo dei Pini” ad ospitare la finale di Coppa Carnia, mercoledì 13 con fischio d’inizio alle ore 20.30, tra l’Ovarese e il Cavazzo. Ricordiamo che in caso di parità al 90’ si procederà con l’immediata effettuazione dei calci di rigori. Radiocronaca dell’incontro (dalle ore 20.20) sulle frequenze di Radio Studio Nord ed anche in streaming sul sito www.rsn.it.

I PRECEDENTI. Ovarese e Cavazzo si affrontano per la prima volta in finale. Prima di questa, 5 finali per i biancazzurri, con 3 vittorie (l’ultima nel 2010) e 2 sconfitte. I viola, invece, hanno disputato 4 finali, riportando 3 sconfitte ed una sola vittoria, quella del 1979 a spese dell’Edera.

LE SQUADRE. Diciamo che non è una finale a sorpresa tipo quella dello scorso anno tra Bordano e Pontebbana ed anzi una volta delineatosi il quadro dei qaurti di finale, questa era una delle finali possibili. Ci arrivano due squadre che nei pronostici precampionato avevano un buonissimo credito, tanto da poter essere tranquillamente inserite nel gruppo delle possibili favorite. L’inizio balbettante delle due combinato con il filotto di vittorie iniziali del Cedarchis ha scavato ora un solco praticamente impossibile da colmare, anche se nel calcio, come si dice, mai dire mai.

GLI ALLENATORI. Stefano De Antoni e Jozsef Negyedi sono due tecnici di due diverse generazioni. Uno ha vinto tantissimo, l’altro è al secondo anno su una panchina dopo la sfortunata vicenda personale che non gli ha permesso di diventare un giocatore professionista. De Antoni è una specie di guru del carnico, uno che sa muoversi nell’ambiente con la furbizia e la disinvoltura regalatagli da tanti anni in panchina. Sa gestire bene uomini e situazioni e di solito riesce a spremere il meglio dai giocatori che allena. Tendenzialmente prudente, è moto attento alla fase tattica, anche se lascia sempre libertà di agire agli elementi tecnicamente più validi che ha a disposizione. Negyedi, come detto, è all’alba di una carriera che in tanti prevedono anche con un seguito fuori dal Carnico. Anche lui opta per uno schieramento coperto,  un 4-4-2 di base, suscettibile però di cambiamenti in caso di defezioni. Le sue  squadre non saranno belle da vedere, magari, ma danno sempre l’impressione di una grande affidabilità.

LE FORMAZIONI. De Antoni e Negyedi qualche problemino ce l’hanno. Il tecnico dell’Ovarese non potrà contare su Gonano e  Zanier (squalificati) e Metaj (assente per motivi strettamente personali). Nelle dichiarazione della vigilia ha detto che conterà moto sull’esperienza, puntando su elementi affidabili dal punto di vista della tenuta mentale. Possiamo quindi provare a ipotizzare uno schieramento che prevede un 4 – 5 – 1, con De Infanti tra i pali, la linea difensiva composta da destra a sinistra da Antonio Gloder, Borta, De Crignis e candotti; nel mezzo tre centrali con Coradazzi qualche metro più indietro di Federico De Antoni  e Nodale; sulle corsie esterne, Della Pietra e Josef Gloder a supportare l’unica punta Fruch.  Negyedi ha invece qualche acciaccato da valutare: De Barba e Cisotti sarebbero recuperabili se si giocasse tra sette giorni, mentre per la finale corrono qualche rischio. Meno problematica la situazione di Cappellaro che dovrebbe esser della partita. Ipotizzando la presenza di tutti quelli in dubbio, ecco il canonico 4 – 4 – 2 del tecnico cavazzino: Bazzetto (il portiere di coppa) in porta; difesa con Danna, Pellizzari, de Barba e Rainis; a centrocampo Lestuzzi, Mardero , Cappellaro e Cisotti; in avanti Dionisio e Burba. Se invece De Barba non dovesse recuperare, difesa a tre, con l’inserimento di Mainardis, Burba trequartista dietro le due punte Dionisio e Montina.

L’ARBITRO. Designato per  dirigere la finale sarà Michele Donadelli, 22 anni il prossimo settembre. Prosegue, quindi, il discorso intrapreso da qualche stagione dai vertici A.I.A. della sezione tolmezzina che intende privilegiare la linea verde. Una curiosità: Donadelli è lo stesso che nelle sfida di campionato tra le due squadre di qualche settimana fa espulse Gonano, al quale il Giudice Sportivo comminò poi due turni di squalifica.

3 Comments

  • Posted 13 Agosto 2014 13:38 0Likes
    by marco

    Premesso che agli articoli e alla Professionalità di Massimo nulla da dire anzi, la linea verde intraresa dalla dirigenza tolmezzina consiste nel: Donadelli e Canci formati e cresciuti da Monfredo e poi portati avanti dall’ attuale “dirigenza”, la nuova linea verde consiste nel: Donadelli e Canci (Monfredo), Cattani, (Monfredo) ma l’età lo frega; Veritti (Monfredo) ma dov’è Veritti?, Pascolo, Fachin, Agostinis (Forgiarini)….e poi Fotia, Lepore, Bonari,Fabris, Cargnelutti (leggendo i giornali). Mi chiedo dov’è la linea verde?

  • Posted 13 Agosto 2014 14:55 0Likes
    by Massimo Di Centa

    Marco, non mi pare di aver scritto che Canci o Donadelli siano stati “formati” dall’attuale dirigenza. Ho semplicemente scritto che l’attuale designatore dà molta fiducia ai giovani direttori di gara, cosa che un tempo non avveniva. A memoria (ma se sbaglio correggimi pure) non ricordo sino a qualche anno fa finali eo incontri importanti arbitarti da ventenni o poco più. Arbitrare la finale sembrava quasi un premio alla carriera. Non sono molto dentro la situazione arbitrale: i nuovi vertici avranno commesso e commetteranno errori, come è logico che sia, ma il fatto di puntare sui giovani mi sembra una scelta giusta per garantire la continuità. Magari per fare questo si è “sacrificato” qualche direttore di gara più esperto, ma su questo non ho la necessaria conoscenza per paralre dell’argomento. Se ne sai qualcosa di più sarà lieto di pubblicare ciò che scrivi, anche perchè ogni volta che lo fai mostri misura, buon senso e tanta educazione.

  • Posted 13 Agosto 2014 19:28 0Likes
    by marco

    E’ giusto dare spazio ai giovani, ci mancherebbe, volevo solo sottolineare che per creare la linea verde bisogna anche saper formare e per adesso i risultati non si vedono (mi auguro che il tempo dia ragione alla dirigenza tolmezzina). La finale premio alla carriera: anche con forgiarini funziona così, vedasi ad esempio la finale arbitrata da Sacchetto, con tutto quello che ne è seguito. Magari quest’anno toccava a Fabris rappresentare gli arbitri davanti alle massime rappresentanze regionale della figc e degli arbitri. Come mai forgiarini-piemonte non lo hanno designato?

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: redazione@carnico.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 201920182017 Altre edizioni