GENTE DI CARNICO: GIULIO PASCHINI

Gilio Paschini (foto A. Cella)
Giulio Paschini (foto A. Cella)

Quando lo vedi ciondolare in giro per il campo a spruzzare il suo talento tra zolle e avversari non immagineresti mai che in quei 173 centimetri di corpo che vanno dalla testa ai piedi possano starci dentro tante cose! La testa e i piedi, già … In tanti dicono: “Se avesse la testa come i piedi sarebbe un fenomeno …”. Alt: Giulio Paschini, funambolo del Fusca, è un fenomeno! E se magari avesse la testa come i piedi sarebbe uno dei tanti, noiosamente bravo e quindi anche un tantino omologato. E invece no, lui ha i piedi che ha proprio per quella “testa matta” che suggerisce ai piedi le traiettorie da far intraprendere al pallone oppure sussurra agli stessi la finta da fare. Insomma, dire che è uno che ragiona con i piedi per lui è un complimento. Il 22  maggio, sul suo profilo Facebook, non si è dimenticato di fare gli auguri a George Best, con poche parole: “69 anni fa nasceva il calcio… Tanti auguri campione!”. Del resto non ne servivano di più, perché l’ammirazione non ha bisogno di adulazione. Con il calciatore nordirlandese ha tanti punti in comune: il talento in campo, quel modo di giocare che non significa irridere gli avversari, ma semplicemente assecondare un estro che ti sgorga da dentro. Un tunnel, una finta, una giocata ad effetto non sono mai il mezzo per dimostrare che lui è bravo e il difensore no. No, fa tutto parte del suo modo di giocare. E anche fuori dal campo le similitudini non mancano: bere qualche birretta in più, tirare tardi la notte, farsi coccolare dagli eccessi è una scelta non un segno di debolezza: uno così non può fare vita da atleta, ma da artista, perché di un artista si tratta. Ma ve lo immaginate un pittore, un poeta maledetto, una stella del rock, andare al bar bere il suo caffè e ritirarsi come una qualsiasi persona normale? Impossibile! Per assecondare l’estro e la fantasia c’è bisogno a volte di stordirsi, di volersi anche poco bene, per trovare quelli come te che aspettano la notte per aspettare il giorno. Il prossimo mese “Paschi” compirà 30 anni ma non aspettatevi o non chiedetegli di fare giudizio perché il giudizio non ha date o scadenze e poi non è detto che arrivi. “Certo che non fa vita da atleta” ripetono in molti. E cosa gli serve? Dove non arriva con la corsa, lo sforzo, la performance fisica ci arriva con quella magia che ha nei piedi, quel genio che gli esce dallo scarpino manco fosse una lampada che basta sfregare. Quelli meno bravi devono correre, a lui basta far correre palla e fantasia, anche perché non è uno di quei giocolieri innamorati del numero fine a sé stesso: ogni sua giocata è finalizzata ad essere utile, spesso decisiva. Fuori dal campo, si diceva, è uno che non si fa sconti: la festa, la baraccata, la bisboccia fanno parte di un modo di vivere che comporta la negazione del sacrificio. Però, provate a passare una serata con lui: spettacolo puro, un’esplosione di simpatia, la battuta sempre in canna, esattamente come la giocata sul campo. Ma aldilà di tutto questo puoi anche scoprire un ragazzo inquieto, pieno di valori e sentimenti: sul suo profilo Facebook accanto alle banalità, infatti, c’è tutta una serie di riflessioni, citazioni e stati d’animo che rivelano una persona un pochino diversa, ma sempre border line tra le cose serie e quelle frivole, alternando la tristezza per la morte del suo cagnolino alla presa in giro a un amico, un coro da stadio ad una citazione famosa, un grido di speranza ad un segnale di disagio. E quando leggi “la più coraggiosa decisione che prendi ogni giorno è di essere di buon umore…”, per un attimo puoi anche pensare che quel volere essere personaggio a tutti i costi sia solo un atteggiamento, poi però ti imbatti in un “il falso non è chi mente, ma chi dopo averlo fatto riesce ancora a guardarti negli occhi…” e allora capisci che è tutto vero ed essere così non è un modo di vivere, ma semplicemente una scelta. Perché non è semplice vivere fuori dagli schemi e quelli fuori dagli schemi (più o meno … tattici) spesso vincono le partite da soli.

6 Comments

  • Posted 18 Giugno 2015 18:01 0Likes
    by Andrea

    Grande Paschi!!!! Fenomeno!!!! Quando vieni a giocare a Illegio????
    E grande Massimo!!! Articolo stupendo e azzeccatissimo!!!!

  • Posted 18 Giugno 2015 21:52 0Likes
    by Dado

    ……come quella magia che usi tu Massimo quando rendi visibili i tuoi pensieri. Grazie per averci regalato questa emozione

  • Posted 18 Giugno 2015 22:56 0Likes
    by Massimo Di Centa

    Mamma mia Dado! …. La magia è dentro ognuno di noi: basta non vergognarsi di tirarla fuori. Un abbraccio.

  • Posted 18 Giugno 2015 23:09 0Likes
    by ino

    “Troppo facile andare a letto alle 4 di mattina sinceri il sabato per giocare la domenica”questa e una delle innumerevoli frasi storiche di paschi.grande giulio!!!!!! T ricordo che hai 2piedi ogni tanto usa anche il destro……..a parte gli schezi una spanna sopra

  • Posted 19 Giugno 2015 00:18 0Likes
    by ADICE89

    Grande Paschi ! FENOMENO !

  • Posted 19 Giugno 2015 08:12 0Likes
    by Carlo

    Descrizione Perfetta bravo Massimo.
    Giulio un ragazzo di cuore , e tanto tanto talento (maledizione ) Forza fusca …

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: redazione@carnico.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 201920182017 Altre edizioni