GENTE DI CARNICO: VINCENZO RADINA

vince rQuanti gol ha fatto Vincenzo Radina nella sua straordinaria carriera? Se glielo chiedessimo a lui, magari saprebbe risponderci. Ma di certo ci direbbe qual è stato il gol che più di ogni altro avrebbe voluto segnare ed invece non ce l’ha fatta: quello che il palo gli ha negato nell’ultima partita, quella contro il Paluzza di domenica scorsa. Quel gol avrebbe voluto dedicarlo a nonna Vittoria, salita in cielo due giorni prima. Tranquilla, nonna Vittoria, il prossimo sarà tutto per te … Anche perché con quel nome forse hai aiutato “Vince” nella sua vicenda da calciatore. Diciamo che per lui, infatti sono state più le vittorie che le sconfitte, e molte portano la sua firma. Vincenzo ha iniziato la sua storia calcistica nei pulcini dell’Arta e proprio ad Arta è tornato per concluderla. Quando? E chi lo sa? Dall’Arta all’Arta, passando per le giovanili del Tolmezzo, poi nella Sanvitese e quindi Ovarese, Cedarchis, Velox, Campagnola, Folgore e Real, in ordine sparso. Uno così, secondo noi, può giocare ancora per qualche anno, anche perché da alcune informazioni abbiamo saputo che ci tiene tantissimo alla forma fisica, nonostante non si tiri indietro quando si tratta di mangiare: è ghiotto di radicchio e pare sia anche un grande mangiatore di … unghie. Quindi per mantenere la forma fisica deve necessariamente bruciare calorie e lo fa attraverso sedute di jogging, partite di tennis e tutti i tornei di calcio, in estate e in inverno. Perfezionista sino alla pignoleria, lo è anche sul lavoro, dove si è fatto la fama del rompiscatole … Capitolo famiglia: quella attuale è composta da tre donne, la moglie Nicoletta e le figlie Vanessa e Camilla, mentre quella di origine è formata da papà Renato, mamma Bruna e il fratello Massimo. Renato e Bruna l’hanno sempre seguito ed anzi anni fa erano in molti a pensare che dietro le scelte di Vincenzo ci fosse lo zampino dei suoi. Credenza facilmente smentibile da un fatto: papà Renato è di Cedarchis e naturalmente lo avrebbe voluto in maglia giallorossa per molti anni, ma non ha mai pensato di dirglielo. Invece al “Ceda” Vincenzo ci è stato un solo anno e la cosa non sarà certo piaciuta alla mamma, che con quella maglia (chissà perché?) non lo voleva proprio vedere. E poi c’è Massimo. Adesso fa il giornalista, dopo un tentativo di giocare a calcio. Diciamo che Max ha fatto meglio a scegliere la tastiera, visto che tra i pali non è che fosse ‘sto fenomeno! … Da piccoli i fratelli si sfidavano spesso nel corridoio di casa e già da quelle schermaglie, probabilmente, Massimo capì che se un Radina doveva giocare a calcio, beh, diciamo che forse era meglio che toccasse a “Vince”, che infatti è cresciuto con il calcio e con un punto di riferimento ben preciso: Roberto Mancini. Il suo idolo, del quale, ogni sera, prima di andare a letto guardava e riguardava le videocassette, una delle quali (quella dello scudetto 199-1991) è praticamente smagnetizzata visto l’uso che ne è stato fatto! Mancini un idolo, Inzaghi un … incubo. I maligni dicono che più che al “Mancio” si ispiri a “Pippo”, vista la tendenza a simulare. Quando glielo dicono se la prende molto, perché secondo lui questa fama è assolutamente immeritata: diciamo che come tutti gli attaccanti è molto sensibile ai contatti, ma da questo a simulare c’è una bella differenza! Radicchio, calcio, forma fisica e … sole. Ama prendere il sole e come la stagione scalda si abbronza subito e qui viene in mente nonno Mario (scomparso lo scoros anno), uno scuro di carnagione che in paese chiamavano “Negus”, forse per accostarlo ai re etiopici, detti appunti Negus. Per quanto riguarda il profilo tecnico, beh, ci è sembrato quasi un obbligo farlo tracciare a Massimo. Riportiamo fedelmente: “Dobbiamo per forza di cose partire dai calci di punizione. Banale dire sia un maestro di questa arte e magia del calcio, forse meno analizzarne la sostanza dietro a questa giocata. Dote naturale si, ma anche allenamento e dedizione. Per troppo ho sentito il luogo comune di un Radina pigro, quelli poco attenti confondono il passo lento con l’indolenza. Errore, perché Vincenzo è uno che lavora, non sarebbe così in forma altrimenti a 37 anni. Poi c’è la tecnica, piuttosto evidente, usa il destro benissimo, il sinistro bene, cosa poco scontata in questo calcio deteriorato a partire da questi dettagli. Ha visione di gioco, sforna gol ma anche assist ed è un numero dieci dalla classe limpida, furbo ed estroso. Gli manca il passo, la velocità e il dribbling. In fondo se avesse avuto anche queste caratteristiche avrebbe fatto solo calcio nella vita. Accontentiamoci, si fa per dire, della sua eleganza, la capacità di inventare la giocata e una buona dose di fiuto per il gol. La sua tecnica e personalità bastano a renderlo ieri e oggi uno dei migliori attaccanti e numeri dieci del nostro campionato”. Già, un numero 10: proprio come Roberto Mancini ….

10 Comments

  • Posted 14 Luglio 2015 17:45 0Likes
    by Igor

    ..con un futuro da allenatore?

  • Posted 14 Luglio 2015 18:44 0Likes
    by Vincenzo

    Be Max che dire…. solo grazie per le belle cose che scrivi da tempo su questo sito.
    Grazie di cuore in un momento così fanno piacere queste belle parole.

  • Posted 14 Luglio 2015 19:15 0Likes
    by gianca

    Per il suo modo di stare in campo, in via del tutto amichevole, l’ho soprannominato “Il PRINCIPE del Carnico”
    Elegante, distaccato, sornione, e poi al momento opportuno piazza la zampata.
    Grande Vince…
    Mi piace venire a farti tifo.
    Giancarlo

  • Posted 15 Luglio 2015 08:53 0Likes
    by Nicola Fabris

    Grande Vince… Le qualità del giocatore sono già state sottolineate da Massimo. Un ricordo indelebile quando, ancora ragazzo, venne premiato alla FANTONI (allora le premiazioni del Carnico si tenevano nell’auditorium della FANTONI ed erano un vero evento) come capocannoniere e giocava “ovviamente” nelle fila dell’Ovarese. Io, lui, l’allora Presidente Cattarinussi e, ovviamente i suoi genitori.
    E come non ricordare l’ospitalità in quel di Salino per tutta la squadra che irrompeva in casa Radina e ripuliva sistematicamente la cantina concludendo con il famoso tiramisù di mamma Bruna.
    Grande Vince ci vediamo in giro per i campi.

  • Posted 15 Luglio 2015 14:22 0Likes
    by Roberto Agostinis

    Gran giocatore, grande persona e grandissimo amico!:)
    Dei tanti gol che ha seganto ho avuto la fortuna di vederne parecchi e quello in rovesciata contro il Cedarchis, secondo me, resta il più bello.
    Mitico Vince:)

  • Posted 15 Luglio 2015 14:51 0Likes
    by Daniele Candido

    Grande Vince!!!…uno spettacolo ed un esempio vederti giocare, un onore essere stato tuo compagno di squadra.

  • Posted 16 Luglio 2015 15:38 0Likes
    by Roberto Pirioni

    Vincenzo, uno che da sempre tutto e di più! Solo da “morto” rinuncia a giocare, anche perchè d’infortuni nella sua carriera ne ha annualmente scontati ma, solo chi ha grande voglia di esserci… non manca mai! Oltre ad essere un mio grande amico, per il Carnico degli ultimi anni rappresenta un simbolo “vero” e se un giorno appenderà la maglia, non gli scarpini, avrà sicuramente un futuro da prima-attore! Grande “VINCE” e VINCI per NOI…!
    Roberto (Lovaria)

  • Posted 17 Luglio 2015 09:30 0Likes
    by Angelo Cescutti

    Una persona fantastica, un esempio per tutti noi giovani.
    Mi ricordo quell’anno che avevo preso 6 mesi di squalifica, io giocavo nei pulcini al Real e ho avuto la fortuna di averlo come allenatore, mi ricordo ancora che mi insegnava come fare i tunnel :-). Spero un giorno di riaverlo come allenatore.
    Un saluto da un tuo tifoso!!!
    Grande VINCE

  • Posted 21 Luglio 2015 08:26 0Likes
    by Luca Butto

    Vince, grande calciatore e grande persona…

  • Posted 21 Luglio 2015 23:59 0Likes
    by Luca allotta

    Complimenti….mister sopra la barriera

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: redazione@carnico.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 201920182017 Altre edizioni