GENTE DI CARNICO: CLAUDIO CARNELUTTI

CARNELUTTIQuella finale di Coppa Carnia, sfuggita a pochi secondi dal 90’ probabilmente avrà lasciato u po’ di amaro in bocca a Claudio Carnelutti, allenatore del Castello. Ci credeva “Claudiut”, a dispetto di un pronostico che voleva la sua squadra vittima sacrificale del mostro – Cavazzo. Ma figuriamoci se uno come lui gliela dava vinta senza provare a farcela! Del resto, le sfide difficili lo hanno sempre affascinato, sollecitandone l’orgoglio e quel pizzico di ambizione che nella vita serve per vincere la mediocrità. Le sue sfide difficili iniziarono nel primo Castello, nel quale Claudio faceva il centrale di difesa; difensore non certo straordinario ma assolutamente nella media. E il bello è che del calcio Claudio iniziò ad interessarsi non proprio giovanissimo. Una passione improvvisa che però seppe coinvolgerlo totalmente, tanto che dai campi verdi non si è ancora allontanato. Quella squadra ottenne brillanti promozioni, ma fu soprattutto il banco di prova molto importante per molti, tra dirigenti e giocatori, che poi approdarono alla Gemonese. Con la partenza di tanti personaggi eccellenti, quel Castello fu destinato a scomparire e il suo posto, nel panorama pedemontano del Carnico fu preso dallo Stalis. Ma il compianto Max Zulian, Mirco Carnelutti e Loris Gregorutti stavano lavorando per far rinascere il Castello. Del progetto, naturalmente, faceva parte anche Claudio al quale, evidentemente, venne naturale affidare la panchina. Quella grinta, quella voglia di provarci sempre, di partire ogni volta da zero apparvero le doti ideali per un tecnico di una squadra appena nata. Via lo Stalis, quindi, e riecco il Castello! Non senza qualche polemica, naturalmente. Polemica che però non intaccò minimamente la voglia di Claudio di mettersi all’opera. Aldilà delle convinzioni tattiche, che Claudio è in grado di “adattare” ai giocatori che ha a disposizione, quello che colpisce è la sua testardaggine (nel senso positivo della parola): quando ha un’idea la difende fino in fondo a costo di voler sempre aver ragione anche quando non ce l’ha! Però è uno che sul campo non si risparmia: l’impegno e la passione accompagnano da sempre il suo lavoro, nel quale ha trovato in suo fratello Mirco un prezioso alleato. Dal punto di vista calcistico il feeling tra i due è eccezionale, di gran lunga superiore a quello che ne caratterizza i rapporti nella vita. Miracoli del calcio! A proposito di famiglia, la sua è composta dalla moglie Anna e la figlia Stefania, assolutamente a digiuno di vicende calcistiche. E poi c’è Simone l’altro figlio, attaccante sfortunato, cui il destino non ha riservato quanto promesso in gioventù. Faceva parte del settore giovanile della Gemonese dal quale sono usciti Madile, Ivano Picco, Zanon e Di Gianantonio, protagonisti nel nostro campionato. Il rapporto con Simone è ottimo. Simone dice che è molto più facile per lui fare il figlio che non per Claudio fare il padre e in questa frase si coglie molto della correttezza del tecnico, che non fa favoritismi: suo figlio il posto in squadra se lo deve sudare, insomma. La cosa strana è che nel Carnico Simone ha realizzato solo un gol: successe a Ravascletto, 2 anni fa. Sarebbe stato bello immaginare la scena del figlio che corre ad abbracciare il padre in panchina … E invece, niente di tutto questo perché Claudio era squalificato! Una cosa che succedeva abbastanza spesso: del resto lui è uno che non le manda a dire e, come si diceva, quando pensa di aver ragione non c’è niente che possa fermarlo. Ultimamente, dobbiamo dire, che le squalifiche sono diminuite: forse perché non arbitrano più Stefanutti e Sacchetto, due direttori di gara con i quali ha avuto ogni tanto qualche storia tesa … Per noi giornalisti non è certo il tipo di allenatore che preferiamo. Motivo? E’ praticamente impossibile intervistarlo nel dopo partita: non è un problema di vittoria o sconfitta, alla fine di un match sta male fisicamente e solo dopo un’oretta torna sé stesso. Per la verità, ci sono stati casi in cui però la delusione è stata dura da smaltire: l’anno che il Castello retrocesse dalla Prima, in casa hanno dovuto aspettare 5 giorni per risentire la sua voce! Il suo giocatore preferito? Mapelli. Il suo rimpianto più grande? Schiratti. Per la squadra una grande perdita e poi anche il dispiacere per come si è concluso il rapporto, perché Claudio è uno ruvido, magari, uno che difficilmente si lascia andare, però nei rapporti umani ci crede molto. La delusione per l’eliminazione in Coppa, invece, l’ha assorbita bene: ha capito e lo hanno capito anche i suoi giocatori di essere davvero usciti a testa alta, di aver fatto fino in fondo il loro dovere. Tanto è vero che Claudio, il giorno dopo, ha mandato un messaggino ad ognuno dei suoi giocatori, per ringraziarli. Il risultato si è visto poi la domenica successiva, quando il Castello ha battuto nettamente l’Amaro. Con l’… amaro di solito si chiude ed invece proprio dall’Amaro è ripartita la rincorsa ad uno dei tre posti promozione. Se la Coppa, insomma, è stata un sogno infranto, la promozione potrebbe essere il premio giusto per un allenatore testardo, che vuole sempre avere ragione, a volte scontroso, spesso taciturno ma in gamba, davvero in gamba. In bocca la lupo, “Claudiut”!

14 Comments

  • Posted 5 Agosto 2015 13:14 0Likes
    by flavio basaldella

    Abbiamo due caratteri simili io e il mister…intrattabili e scontrosi quando le cose non vanno come dovrebbero…perchè le sfide amiamo vincerle…sempre! Grande Claudiùt!

  • Posted 5 Agosto 2015 13:26 0Likes
    by Fabio Squecco

    Giusto riconoscimento per una persona che si dedica totalmente a Il Castello. Fabio Squecco capitano de Il Castello

  • Posted 5 Agosto 2015 16:35 0Likes
    by marc

    una gran persona un amico vero che merita questo bellissimo articolo
    una persona che vive per il Castello !! ti auguro di festeggiare la promozione caro Claudiut e forza Castello

  • Posted 5 Agosto 2015 18:10 0Likes
    by Daniele Candido

    Concordo con Fabio!!…il giusto riconoscimnto al Mister Claudio Canelutti, ma sopratutto alla sua persona vera e genuina!!Complimenti Mister!!

  • Posted 6 Agosto 2015 07:09 0Likes
    by Ricky

    Prima come compagno di squadra e amico, poi come allenatore ho sempre stimato il grandissimo impegno e la passione che ci metti.
    Grande mister!
    Dai che si torna in prima!

  • Posted 6 Agosto 2015 08:48 0Likes
    by Mirco

    Ti ringrazio Max per l articolo dedicato a mio fratello Claudio se lo merita .vorrei spendere due parole per il Basa e il capt. Squecco , continuate cosi avere 78 anni in due e non dimostrarli non è da tutti . specialmente se si continua a metterla in rete e a correre…. mandi e fuarce Castello

  • Posted 6 Agosto 2015 10:33 0Likes
    by Adriano Moro

    Bellissimo articolo che rispecchia la gran bella persona che è per noi CLAUDIUT!!! Grande Mister e sempre forza Castello!

  • Posted 6 Agosto 2015 15:18 0Likes
    by pompeo

    come sempre bellissimo articolo massimo..e un saluto a cladiut conosciuto nel 1988 ai tempi del primo castello con un gemellaggio mai finito tra lardita e il castello…

  • Posted 6 Agosto 2015 19:18 0Likes
    by Francesco

    Non metto in dubbio che sia un bravo mister ed una brava persona, però in campo da avversario fa volare parole molto “molto” grosse

  • Posted 6 Agosto 2015 23:56 0Likes
    by Nicola Pesamosca

    San Francesco vuole bene a tutti gli animali….

  • Posted 7 Agosto 2015 02:52 0Likes
    by Simone

    Da figlio/giocatore non cambierei mio padre/allenatore con nessun altro al mondo.. Felice e orgoglioso di essere stato allenato (fra giovanili della Gemonese e Castello una cosa come 8 anni circa) e di essere stato cresciuto (qua un po’ più di anni) da “Mister Claudiut”. Un bravo va anche a Max per questo bellissimo articolo, non pensavo che in 5 minuti di chiacchierata venissero fuori tutte queste cose 🙂

  • Posted 7 Agosto 2015 12:39 0Likes
    by lorenzo sala

    Grande Claudiut..ed io posso dire di essere stato marcato anche da lui..tanti anni fa..un abbraccio

  • Posted 7 Agosto 2015 13:03 0Likes
    by giorgio moro

    Voglio fare anch io i complimenti a Claudio per le soddisfazioni che si sta prendendo con il suo Castello.Ho avuto il piacere di averlo come allenatore al Castello nel 2009 e,nonostante ci siano state incomprensioni verso la fine del campionato,ho dei bellissimi ricordi di tutto l ambiente e soprattutto del suo modo di fare e vivere le partite…braaf claudiut!!!

  • Posted 7 Agosto 2015 17:35 0Likes
    by Desio

    Bellissimo articolo e un in bocca al lupo a Claudiut e al Castello per il campionato!!!

Comments are closed.

Subtitle

Per la tua pubblicità

Some description text for this item

Subtitle

TECHNICAL PARTNER

Some description text for this item

Ufficio PubblicitàRadio Studio Nord e-mail: spot@rsn.itT +39 0433 40690
Redazione Radio Studio Nord e-mail: redazione@carnico.it
Link Utili FIGC Tolmezzo
Precedenti Stagioni 201920182017 Altre edizioni